Numero 197, pag 1-2 - Dicembre 2016

Il nostro Contratto Collettivo nazionale di lavoro, scaduto il 31 dicembre 2009, si compone di una parte normativa (contenente tutti i diritti e doveri che competono al personale della scuola) e di una parte economica: le retribuzioni stipendiali ed accessorie. Naturalmente un rinnovo contrattuale prevede una revisione di entrambi gli aspetti.

Numero 197, pag 1-2 - Dicembre 2016

La questione trasparenza solleva un problema molto delicato che può condizionare le dinamiche di potere all’interno della Pubblica amministrazione e della scuola in particolare.

La possibilità di attribuire denaro pubblico in modo discrezionale, da parte del dirigente, rischia infatti di creare situazioni che, con l’andare del tempo, possono favorire fenomeni di corruzione e favoritismi.

Numero 197, pag 3 - Dicembre 2016

“E’ tutto pronto, avanti si parte!”

Ma c’è ancora un sacco rimasto in disparte,

un sacco davvero pesante

con dentro il carbone per ogni insegnante.

Numero 197, pag 2 - Dicembre 2016

"I dirigenti scolastici rispettino il principio di trasparenza amministrativa e pubblichino nei siti delle scuole le somme e i destinatari del bonus di merito".

 A chiederlo è la Gilda degli Insegnanti appellandosi al decreto legislativo sulla trasparenza del 17 maggio 2016.

Numero 197, pag 3 - Dicembre 2016

É destinata a far molto discutere la sentenza pubblicata dalla Corte di Cassazione in data 7 novembre 2016.

La Suprema Corte infatti, mentre riconosce il diritto dei lavoratori a tempo determinato ad avere delle progressioni di carriera per gradoni al pari dei docenti di ruolo, confermando quindi le loro richieste di risarcimento per gli arretrati stipendiali, ne disconosce il diritto alla stabilizzazione