Stampa
Categoria: Quesitario
Visite: 7011

 

Salve,

sono un’insegnante della primaria, la settimana scorsa ho ricevuto una notifica per cui dovrò presentarmi in tribunale a testimoniare in quanto ero presente ad un incidente stradale. L’udienza però coincide con il mio orario di servizio. In segreteria mi hanno detto di chiedere un giorno di ferie, ma non capisco perché, essendo io obbligata a presentarmi, debba consumare un giorno di cui potrei avere bisogno di fruire anche come permesso personale e/o familiare, dal momento che questi giorni sono pochi. A voi risulta che le indicazioni date dalla scuola siano corrette?

Grazie per una risposta

Giulia G.

 

Cara Giulia,

innanzitutto è vero che non puoi sottrarti all’obbligo di testimoniare altrimenti incorreresti in sanzioni previste per legge.

Per il resto, la tua scuola ti ha fornito delle indicazioni corrette, supportate da un parere dell’ARAN dell’8 luglio 2004 che afferma:

“Nel caso in cui il dipendente chieda di assentarsi dal servizio per rendere una testimonianza svolta nell’interesse dell’Amministrazione, tale assenza verrà giustificata o per l’intera giornata o per il tempo necessario all’assolvimento di tale compito.

Nel caso in cui l’assenza sia dovuta per rendere una testimonianza giudiziale ed essa non è svolta nell’interesse dell’Amministrazione, essa sarà imputata a ferie, permesso a recupero o permesso per particolari motivi personali”. La posizione dell’ARAN è stata successivamente confermata anche dal Dipartimento della Funzione Pubblica nella circolare n. 7 del 2008. Nel tuo caso, non essendo la testimonianza resa a favore dell’amministrazione, devi scegliere tra fruire di ferie, permesso o permesso breve a recupero.