Stampa
Categoria: Quesitario
Visite: 357

 

Cari colleghi del sindacato,

sono una vostra associata, insegnante specialista di lingua inglese a cui sono state affidate quest’anno ben 10 classi. Vi lascio quindi immaginare il numero di alunni, tutti quelli della scuola in cui lavoro! Rispetto ad alcune mie colleghe che, con la prevalenza, si ritrovano ad avere al massimo due classi, direi che la disparità di mole di lavoro è notevole, a parità di stipendio. Vi chiedo quindi se ci sia una normativa a cui potermi appellare per una tutela del carico di lavoro.

Giovanna P.

 

Cara Giovanna,

La normativa in vigore (CM n. 21 del 14/03/2011, circolare sulle iscrizioni) stabilisce che all’insegnante specialista siano assegnate “7 o 8 classi e si raggiungano almeno 18 ore di insegnamento”, quindi la tua situazione è evidentemente anomala, inoltre, la stessa circolare prevede che: “i docenti in possesso dei requisiti per l’insegnamento della lingua inglese devono impartire tale insegnamento in almeno due classi”, ciò significa che se nel tuo plesso c’è almeno un’altra insegnante in possesso dei requisiti, questa è tenuta a farsi carico dell’insegnamento della lingua inglese in almeno due classi. Rispetto ai carichi di lavoro inoltre contatta la tua RSU, perché nella contrattazione di istituto ci dovrebbero essere dei criteri che consentano di bilanciare tali carichi fra gli insegnanti.