Stampa
Categoria: Dicembre 2015
Visite: 3255

Numero 193, pag 5 - Dicembre 2015

a cura dell'Avvocato Innocenzo D'Angelo e Michela Gallina

Ci giungono, da un numero sempre più consistente di scuole, segnalazioni di richieste da parte di dirigenti scolastici che pretendono, talvolta anche con veri e propri ordini di servizio, la disponibilità dei docenti ad effettuare prestazioni paramediche.

 

E' ignobile la pressione tesa a creare scrupoli morali sugli insegnanti che, per quanto possano aggiornarsi, non hanno competenze infermieristiche o mediche, mentre le figure preposte per ruolo ad effettuare tali mansioni non vengono nemmeno consultate dall’Amministrazione. Ancora più squallido è capire come dietro a queste ulteriori incombenze richieste ai docenti ci siano solamente motivi di risparmio legati alla finanza pubblica, un risparmio effettuato sulla pelle e salute di minori. Ebbene sì, costa molto meno ottenere la disponibilità di un docente alla somministrazione di farmaci o all'effettuazione di interventi paramedici che non far intervenire operatori sanitari o infermieri, attività di cui dovrebbero occuparsi i comuni e le ASL. Molto spesso i docenti non sono neanche a conoscenza di dover rispondere personalmente, civilmente o penalmente, per eventuali errori commessi in buona fede. Offrire la propria disponibilità infatti non è una scelta priva di conseguenze che possono essere anche gravi, non offrirla però spesso ci fa essere additati come degli esseri disumani, senza cuore. E' bene quindi capire alcuni passaggi fondamentali per poter decidere con una certa tranquillità.

 

OBBLIGO DI FORMAZIONE DI PRIMO SOCCORSO

I lavoratori non possono, se non per giustificato motivo, rifiutare la designazione ad addetti al primo soccorso.  (dlvo 81/2008 art 43 co 3). Però l'obbligo di formazione riguarda solo loro.

 

OBBLIGO DI INTERVENTO DI PRIMO SOCCORSO

Una volta formati sono tenuti ad effettuare interventi in caso di necessità (vd. Esemplificazione tratta dal manuale dell'INPS).

La somministrazione di farmaci non rientra negli obblighi di intervento di primo soccorso.